Orizzontale.jpg

Scritto e ideato da Vania Colasanti, esclusiva RaiPlay

regia di Andrea Menghini, a cura di Alessandro Corsetti

È dal portone accanto alla gioielleria di via Condotti che Anna Bulgari e suo figlio Giorgio Calissoni, nel novembre dell’83, lasciano la loro casa romana e vanno incontro a un sequestro che ha sfregiato il cuore di una famiglia. Una delle pagine più brutali della stagione dei sequestri.

Li tengono bendati, in catene, con le pistole puntate alla tempia. Una madre che deve farsi forte per il figlio e un figlio che deve confortare la propria madre, anche nel momento massimo della disperazione.

Sono passati quasi quarant'anni. Ma il freddo di quella prigionia è ancora dentro, intatto. Una vicenda finita sui quotidiani di tutto il mondo e che occorre narrare perché non venga dimenticata. Proprio come avrebbe voluto Anna, da poco scomparsa. E che all’età di 93 anni, fino all’ultimo, ha arricchito questa testimonianza con dettagli inediti che danno la misura della persona straordinaria che era. Per lei, e per la prima volta, suo figlio Giorgio Calissoni rientra in quel dolore, condividendolo con la moglie e le figlie. E il suo ricordo – motore di questo racconto – scivola in quel sabato 19 novembre 1983. Un pomeriggio di sole.

Vespa.jpg

Rassegna Stampa

Rep Bul.jpg
Linea Bul.jpg
Rai-Gr1.jpeg

Apri Pdf

Oggi - Ti ho visto_page-0001

Oggi - Ti ho visto_page-0001

Oggi - Ti ho visto_page-0002

Oggi - Ti ho visto_page-0002

Oggi - Ti ho visto_page-0003

Oggi - Ti ho visto_page-0003

LA REPUBBLICA 19 NOV 2020_page-0001

LA REPUBBLICA 19 NOV 2020_page-0001

FAMIGLIA CRISTIANA 19 NOV 2020_page-0001

FAMIGLIA CRISTIANA 19 NOV 2020_page-0001

FAMIGLIA CRISTIANA 19 NOV 2020_page-0003

FAMIGLIA CRISTIANA 19 NOV 2020_page-0003

FAMIGLIA CRISTIANA 19 NOV 2020_page-0002

FAMIGLIA CRISTIANA 19 NOV 2020_page-0002